Margherita Lipinska

di Tiziana Galli

Margherita Lipinska

image

Tempo e spazio si annullano nelle tele di Margherita Lipinska, dove immagini classiche giganti si stagliano con forza sugli scuri sfondi piatti. L’intero campo è occupato solo da soggetti che troneggiano in maniera solenne, dirompente e incontrastata quasi a voler venir fuori dalla tela occupando la terza dimensione.

image

Come per magia, con gioco di artifizi pittorici, alcune pennellate piatte e degli schizzi di colore “tagliano” la superficie, quasi ferendola, riportando soggetto e sfondo su un unico piano ideale che annulla l’illusione dimensionale quasi tradendola. Teste e corpi mitologici, di un tempo ormai passato, diventano attuali attraverso il linguaggio pittorico che dà loro vita. E in questo gioco di rimandi il tempo si annulla grazie a quelle immagini eterne che attingono la loro forza da una memoria culturale incisa profondamente nelle nostre menti e nella nostra identità sociale.

image

Attualmente alcune opere di Margherita Lipinska sono esposte, a Roma, presso l’hotel Art di via Margutta nella mostra “Itinera 2”,organizzata da Giovanna Gazzolo, affiancate dalle sculture di Ewa Kuzniar.

 

image

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *