Altaroma secondo giorno

Di Tiziana Galli

DSC_0365

Altaroma secondo giorno. Movimentato il secondo round della manifestazione che presenta un programma fitto e variegato. Balestra porta la sua autentica altamoda sola, unica, vera ed incontrastata. Domina il nero in maniera schiacchiante ma sempre illuminato da un luminosissimo giallo oro.

DSC_0318 Strass, paillettes, ricami, come da copione, che continuano a colpire nel segno per eleganza e vendibilità. Lascia senza parole la kermesse di Rani Zakhem, che affonda il colpo con maestria esagerata. Non rischia, ma perfeziona ai massimi livelli la sua cifra stilistica. Colore, sensualità, eleganza, bellezza. Tanto colore, tanta eleganza, tanta bellezza. Emozionante. Gialli, rosa, fucsia, bluette, nero. E’ la magia delle stelle che ispira lo stilista e che colpisce a segno in passerella. Senza parole anche per “I’M Isola Marras”, ma questa volta per la perplessità che genera la performance. La linea giovane del noto brand viene presa in consegna da Efisio Rocco Marras, figlio del noto Antonio Marras, che ne diventa il direttore creativo. Il fatto è che da un cognome come questo ci si aspettava qualcosa di più convincente. La collezione Spring/Summer 2018 fonde insieme numerose identità, forse troppe, che vanno dal punk all’underground: bomber, camicie e scarponcini ma anche biancheria intima già vista dal sapore “moschiniano” con rimandi a Calvin Klein. Sfila alla “casa delle armi”, presso la “Sala della Scherma” al Foro Italico Sabrina Persechino che presenta una collezione pulita e lineare. Tanta sensualità suggerita da trasparenze e tagli che scoprono con decisione, ma al tempo stesso con eleganza, spalle e schiena. DSC_0115Tante paillettes, bianchi, neri, bronzi e color salvia. La coreografia assume un valore aggiunto grazie alla prestazione professionale di Sergio Valente, il fotografo delle dive, che in questa giornata di Altaroma ha curato le acconciature di Sabrina Persechino e Gianni Molaro, Ed è proprio Gianni Molaro a lasciare senza parole nel presentare una collezione che inneggia alla natura presentandola in un ideale “giardino incantato” ricco di “abiti pianta” e splendidi aironi rosa. Ironia e colore sono le vere protagoniste dell’installazione. Geniale.

 

DSC_0149

 

 

 

DSC_0095

A Fontanella Borghese Filippo Laterza presenta una collezione di abiti ispirati a note opere d’arte contemporanea della “Galleria Mucciaccia”. Un percorso sensoriale, per sperimentare l’energia del colore, enfatizzato da profumazioni intense.

DSC_0098

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *