Artrooms Fair Roma

Artrooms Fair, la fiera d’Arte contemporanea tra scienza e fantascienza

CAMILLA ANCILOTTO - THE CHURCH

Di Tiziana Galli

Artrooms Fair, la fiera d’Arte contemporanea per artisti indipendenti, oltrepassa la Manica e sbarca direttamente a Roma. Dopo quattro edizioni londinesi che hanno visto i natali nel 2015, l’esperimento espositivo/commerciale viene testato nella capitale. Scienza e fantascienza complici ed ospiti di un’esposizione d’Arte contemporanea che mira ad uscire dai confini del reale per creare un “disordine organizzato” attraverso il lavoro di artisti internazionali non soggetti ai dettami dei classici galleristi. L’esperimento completamente gratuito per i partecipanti e fortemente voluto dal “The Church Palace” di via Aurelia 481 si aprirà venerdì 2 Marzo e terminerà domenica 4, con un’estensione speciale fino al 5 Marzo del “Satellite Programme” presso Rinascente di Via del Tritone.

CAMILLA ANCILOTTO - THE CHURCH - 2

L’Hotel di Via Aurelia metterà a disposizione i propri spazi trasformando le stanze in singoli atelier d’arte ed il giardino in un parco sculture. Settanta saranno i partecipanti, selezionati da una commissione di professionisti, e tre saranno le sezioni principali: “Rooms”, “Sculpture Park” e “Video Arte” a cui si aggiungeranno installazioni, interviste ed eventi speciali tra cui la prima nazionale di telepresenza in ologramma a cura dello Studio Tangram.

GARRIGUE-2015-ACRYLIC-130X81CM_preview

Diversi i temi narrativi toccati dai quattordici video artisti, selezionati ed ospitati, provenienti da Italia, Inghilterra, Israele, Germania, Stati Uniti, Bulgaria, Brasile, Iran, Taiwan, Serbia e Angola, per un quadro complessivo che abbraccia tecniche e strumentazioni d’avanguardia unite ad un linguaggio espressivo ricercato.

Ex-voto;2017;ferro, gesso, legno, materiali di recupero; 120x70 cm circa_previewLe rappresentazioni proposte che variano dalle tematiche intimistiche a quelle di ispirazione sociale si articolano molto spesso intorno ad una sentita visione del corpo, che oltre ad essere superficie visibile dell’Anima, viene interpretato come luogo di esperienze ed emozioni, filtro di gioie e di dolori, ma soprattutto di bellezza e di creatività.

Legami_TIFF_OTTOVEGGIO_preview

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *